EV Today

Ricevi pillole quotidiane di informazione sul mondo della mobilità elettrica, dal lunedì al venerdì.

giovedì 28 settembre 2017

28.09 | Dagli aspirapolveri agli EV: arriva Dyson

- powered by electrive.com -
the EV industry service for Europe and beyond



Dyson: dagli aspirapolveri agli EV. Dopo mesi di voci, il costruttore di aspirapolveri - da sempre molto innovativo - ha confermato i piani di sviluppare una business unit dedicata alle auto elettriche, basata sulla tecnologia proprietaria di batterie allo stato solido. James Dyson dichiara di volere debuttare con un EV nel 2020 e procedere poi a sviluppare una vera e propria gamma. I modelli saranno "radicalmente" diversi. Si parla di un investimento di due miliardi di sterline - metà per costruire la macchina, metà per ricerca e sviluppo in batterie - e 400 dipendenti sono già al lavoro sul progetto, incluso un manager precedentemente in Aston Martin.
autoexpress.co.ukeurope.autonews.comautocar.co.uk

Un altro player in arrivo nel 2020. Gli indiani di JSW Energy, divisione del gruppo Jindal, e il governo del Gujarat hanno firmato un protocollo d'intesa per allestire una nuova fabbrica EV nella regione. 500 milioni di euro in investimento per uno stabilimento chedovrebbe sfornare 200.000 auto all'anno così come batterie, soluzioni di storage e infrastrutture di ricarica. Anche qui come per Dyson, primo modello nel 2020.
business-standard.comcarwale.comindianexpress.com

Dalla Cina all'Austria. Il costruttore cinese Great Wall Motor aprirà un centro di ricerca e sviluppo alle porte della città austriaca di Kottingbrunn. Con questa mossa, l'azienda vuole creare 100 nuovi posti di lavoro e accelerare sullo sviluppo di motori per auto elettriche ed ibride. Questo fa parte dell'investimento di 8,7 miliardi di dollari annunciato qualche mese fa, interamente dedicato allo sviluppo di veicoli a nuova energia.
trend.atdiepresse.comgwm.at

Il piano verde della Francia. Diffuse le intenzioni del governo francese per accelerare la transizione energetica. Il pacchetto, da ben 20 miliardi di euro, dovrebbe essere concentrato sulla crescita delle rinnovaibili per 7mld e il passaggio a veicoli più puliti per 4mld. Il tutto condito dall'audace intenzione di liberarsi di 10 milioni di auto endotermiche entro il 2022.
reuters.com

La regola dei 5 km della Cina. Nella modesta provincia del Guizhou sta per svilupparsi uno dei più densi centri di ricarica urbani per riacciuffare le regioni più ricche in termini energetici. Entro il 2020, il governo locale punta ad avere almeno un punto di ricarica ogni 5 km in ogni città di dimensioni notevoli. A Pechino e Shanghai, la diffusione di colonnine è già sotto i 5 km di raggio.
chinadaily.com.cn

For a complete morning update on European and global e-mobility subscribe@electrive.com - short, to the point, and free of charge.